• 25/11/19 Save the date

    ON THE BREADLINE, Italian Council |TALK e Presentazione Catalogo

    Schermata 2019-11-25 alle 18.47.59

    Mercoledì 4 dicembre alle ore 18.00 sarà presentato al MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo il focus dedicato a Elena Bellantoni negli spazi della Video gallery: in programma la proiezione di 5 significativi lavori video dell’artista, che ripercorrono i suoi ultimi anni di produzione e il nuovo progetto On the Breadline (2019), vincitore della IV edizione di Italian Council (2018).

    Durante la serata sarà presentato in anteprima Ho annegato il mare (2018), opera video prodotta in occasione di Manifesta 12, Collateral Events (Palermo). Il lavoro ripercorre il rapporto tra cittadini e mare a partire dalla sua negazione, attivando momenti e azioni performative intese come dispositivi di interazione: il risultato è la creazione di una zona di incontro e narrazione.

    Introdurrà Bartolomeo Pietromarchi, Direttore del MAXXI Arte. Seguirà un dialogo tra l’artista, la curatrice del progetto Benedetta Carpi De Resmini e gli autori dei saggi, Stefano Chiodi e Riccardo Venturi che hanno delineato sapientemente la ricerca e il percorso dell’artista nei mesi di lavoro.

    La rassegna proseguirà in Video gallery dal 5 all’8 dicembre, durante gli orari di apertura del Museo (mercoledì, giovedì, domenica 11.00 – 19.00; martedì, venerdì, sabato 11.00 – 20.00; chiuso il lunedì)

     La selezione di video è particolarmente legata a On the Breadline sia per i temi affrontati sia per il linguaggio adottato: l’evento infatti sarà anche l’occasione per parlare di questo nuovo progetto, con la presentazione del catalogo pubblicato da Quodlibet edizioni.

    On the Breadline è un progetto artistico itinerante che ha visto impegnata l’artista durante tutto l’arco del 2019 in quattro città europee: Belgrado, Atene, Istanbul e Palermo.

    Durante la ricerca, in ogni città, l’artista ha realizzato un’opera video insieme a cori femminili che hanno intonato, nella propria lingua, il canto di protesta Bread & Roses, che trae origine da una frase di un discorso del 1912 di Rose Schneiderman, leader femminista socialista statunitense, declamato durante un importante sciopero di lavoratrici. L’elemento del coro, così come quello del pane, sono essenziali per On the Breadline perché diventano lo strumento per raccontare attraverso parole, suoni e immagini, le rivolte sociali, politiche che sono insite nelle radici di ogni paese.

     “On the Breadline segue il fil rouge della mia ricerca artistica: si muove dall’esplorazione sul territorio, si costruisce attraverso la relazione, l’incontro e prende forma con il video, la performance e l’installazione. […] Il pane diventa l’oggetto grazie al quale costruisco la mia narrazione nell’attraversare questi territori, legati tra loro dalla cultura mediterranea. Ho cercato di creare un ponte tra civiltà diverse, cresciute su sponde opposte dello stesso mare, ma accomunate da un retroterra culturale molto simile. Ho provato a far dialogare questi luoghi “caldi” – Belgrado, Istanbul, Atene, Palermo – che raccontano il nostro presente contemporaneo.” (Elena Bellantoni)

    On the Breadline è un progetto realizzato grazie al sostegno  della Direzione  Generale e Creatività  contemporanea e Rigenerazione urbana del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo nell’ambito del programma Italian Council (2018). Il progetto è promosso da Wunderbar Cultural Projects. 

    No Responses
Wunderbar Book

archiviodelpotere

tutorialsirtaki

WUNDERBAR + PENINSULA al Festival NEST

Partner

cittaltraeconomia

(English) [simple-instagram limit="10"]